Dormire il pomeriggio fa bene?

dormire il pomeriggio
Condividi su facebook
Condividi su pinterest
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Dormire il pomeriggio fa bene al cuore: una ricerca dell’Asklepieion General Hospital mostra come le persone abituate a dormire di pomeriggio hanno maggiori probabilità di contenere le pressione arteriosa, rispetto a chi non ne approfitta mai, con ripercussioni positive sullo stato di salute di tutto l’apparato cardiocircolatorio.

Lo studio

Lo studio è stato condotto su 212 persone con una pressione arteriosa media di 129,9 mmHg, di età intorno ai 62 anni, una lieve prevalenza di donne e con una percentuale di fumatori e/o affetti da diabete di tipo 2 pari a circa il 25% (un volontario su 4), divisi in due gruppi, uno facente pisolino e l’altro evitandolo accuratamente (ma con fattori di rischio per malattie cardiache simili).

Asklepieion General Hospital
Credit http://blogamari.com/la-scienza-non-e-unopinione-che-lo-vogliate-o-no/scienza-studio/

I ricercatori hanno valutato e registrato la pressione arteriosa per 24 ore consecutive, il tempo del pisolino, la cui durata media era di 49 minuti, le abitudini di vita (ad esempio alcol, consumo di caffè e sale, livelli di attività fisica) e la velocità della cosiddetta onda sfigmica, una misura della rigidità delle arterie.

Ecco cosa ha dichiarato Manolis Kallistratos, autore dello studio presso l’istituto Asklepieion General Hospital situato in Grecia:

“Il sonnellino di mezzogiorno sembra abbassare i livelli di pressione sanguigna come succede assumendo stili di vita più sani. Ad esempio, la riduzione di sale e alcol può abbassare i livelli di pressione sanguigna da 3 a 5 mmHg […] e una terapia antiipertensiva a basso dosaggio abbassa in media livelli di pressione sanguigna di 5-7 mmHg”. Ne più né meno di quanto fa un bel sonnellino dopo pranzo.

Condividi su facebook
Condividi su pinterest
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Chiudi il menu